Festival Brodetto: Presentata la dodicesima edizione

Il Relais Villa Giulia ha ospitato la conferenza di presentazione della manifestazione
che si svolgerà al Lido di Fano dal 12 al 14 settembre prossimi

CAM01246

Si è svolta giovedì 4 settembre, al Relais Villa Giulia di Fano la conferenza stampa di presentazione della dodicesima edizione del Festival Internazionale del Brodetto e delle Zuppe di Pesce. Un presentazione in grande stile che ha contato la presenza, oltre che degli organizzatori anche di tutti gli enti e le istituzioni coinvolti nella realizzazione dell’evento. Erano infatti presenti (nella foto da destra a sinistra): Uriano Meconi (Dirigente regionale del servizio pesca), Stefano Marchegiani (Assessore al Turismo e vice sindaco del Comune di Fano), Ilva Sartini (Direttore Confesercenti Marche e Coordinatrice de Festival), Alfredo Mietti (Presidente Confesercenti della Provincia di Pesaro e Urbino), Alberto Drudi (Presidente Camera di Commercio di Pesaro e Urbino), Pier Stefano Fiorelli (Presidente Confesercenti Fano), Massimo Seri (Sindaco del Comune di Fano), Roberto Borgiani (Direttore Confesercenti Pesaro e Urbino). La platea, ha poi ospitato anche: Fabrizio Schiavoni (Segretario Generale Camera di Commercio della Provincia di Pesaro e Urbino), Claudio Albonetti (Presidente Nazionale Assoturismo), Tiziano Pettinelli (direttore Confesercenti Fano) e Alberto Mazzoni (presidente IMT).

“Riuscire nell’intento di destagionalizzare il turismo locale – ha affermato il Presidente Drudi – che è tipicamente estivo e di alta stagione, e in quello di richiamare un pubblico internazionale quando il nostro è per lo più italiano, non è un’operazione che ha ricadute, come si può ben immaginare, soltanto sul Festival in sé, ma un intervento ampio che incide in maniera positiva sull’indotto economico di tutto il territorio che ne beneficia nel suo complesso”. A questo proposito anche il Presidente Confesercenti di Pesaro e Urbino Alfredo Mietti ha voluto precisare che “in una congiuntura economica come quella attuale, il Festival non è soltanto un’operazione che fa di Fano una vetrina turistica, ma è una concreta occasione per dare lavoro. Ai ristoranti e agli hotel che possono contare sul flusso turistico richiamato dall’evento, ma anche alle singole aziende che lavorano nell’organizzazione e ad un indotto i cui numeri sono enormi come dimostrato anche dalle scorse edizioni”. Sono poi state sottolineate altre importanti caratteristiche sviluppate negli anni dal Festival. Il Dirigente regionale Uriano Meconi, che si occupa del settore della pesca, ha, infatti, cercato di spiegare quanto si possano rivelare importanti momenti di confronto come questi nella ricerca di una soluzione realistica ai problemi della filiera della pesca: a partire dal fermo per arrivare fino all’utilizzo del pesce massivo sulle tavole. Infine, dopo i dovuti ringraziamenti che l’organizzazione ha voluto estendere a tutti gli enti partner, ma in particolare al Comune di Fano che per la prima volta dopo molti anni si è dimostrato disponibile e collaborativo, il direttore Confesercenti di Pesaro Roberto Borgiani non ha potuto mancare di citare le aziende del territorio che sono parte attiva del Festival “dai ristoratori agli albergatori, dagli sponsor ai produttori di vino, sono davvero poche le realtà che non sono coinvolte, a diverso titolo, nel Festival. Questo, crediamo significhi molto che per tutto il territorio che non ci guadagna soltanto in immagine, ma anche e soprattutto nel rilancio di un economia che, senza queste iniziative, rischia davvero la stagnazione”.

Ilva Sartini, coordinatrice del Festival ha concluso dicendo che “quello 2014 sarà un Festival in cui le tradizioni e la cultura di un territorio avranno l’occasione di confrontarsi con nuovi linguaggi e diventare internazionali a tutti gli effetti. Un Festival che riconferma tutte le iniziative di successo e che coinvolge tutti i target con cooking show, musica, convegni, lezioni di cucina, degustazioni, scuola di brodetto, spazio bambini, e con nuove collaborazioni importanti come quella con la Fiera della Sostenibilità. Ma sarà anche un Festival con sorprese legate al mondo della marineria, della sua tradizione e della cultura enogastronomica internazionale”.