Domani Mr. Alloro dà il via alla XIV edizione

Fano (PU, Marche) – Si alza domani il sipario sulla XIV edizione del Festival più gustoso dell’Adriatico, golosa occasione per conoscere ed approfondire le tradizioni e la storia delle coste marchigiane, che anche quest’anno si fa contemporaneamente palcoscenico della cultura gastronomica internazionale, con gli Chef stellati e i vip della cucina, e ambasciatore della tradizione marinara locale, attraverso la mitica gara tra cuochi fanesi non professionisti per l’incoronazione del miglior brodetto della tradizione fanese.

Apertura in grande stile, dunque, domani, per la prima giornata di Festival Internazionale del Brodetto e delle Zuppe di Pesce 2016 il cui programma prevede alle 20.00, sul palco centrale, il primo di una lunga serie di show cooking, quello dello Chef e Maestro di Cucina della prova del Cuoco Sergio Barzetti.

Sergio Barzetti - Festival Internazionale del Brodetto e delle Zuppe di Pesce

Detto Mr Alloro per la sua spiccata predilezione verso questa pianta aromatica, lui, all’epiteto “Chef” preferisce quello di “Cuciniere Esperto” tanto averlo aggiunto anche ai suoi biglietti da visita. Classe 1975, Sergio Barzetti non ha un proprio ristorante, ma grazie alle sue doti creative e al suo spiccato senso estetico è diventato famoso come Maestro di Cucina della trasmissione La Prova del Cuoco. Autore di moltissimi libri a tema gastronomico, la sua è una cucina rapida, creativa e profumatissima, adatta alle esigenze quotidiane di tutti poiché trasforma la materia prima con semplicità inventando abbinamenti sempre nuovi.

A seguire (ore 21.30), sarà ancora il palco centrale della manifestazione ad essere protagonista con lo spettacolo “Il Mercante di Monologhi”, scritto ed interpretato dall’eclettico Matthias Martelli che da vero e proprio giullare contemporaneo, accompagnato da un antico carretto di legno rigonfio di vestiti, metterà in vendita una merce speciale: i suoi monologhi. E così giacche e cappelli, una volta indossati, diventano protagonisti della scena dando vita ad una galleria di personaggi sopra le righe: dal politico al professore di antropologia, dal cantante a Don Iphone, predicatore di nuove tecnologie. Uno spettacolo che vuole riportare in auge le radici della tradizione della commedia italiana per arrivare alla liberazione del pubblico e dell’attore in un’unica, grande esplosione di risate e follia.